PIETRO ADRAGNA nasce ad Erice nel 1988.

Il giovane fisarmonicista siciliano approfondisce e perfeziona i suoi studi sullo strumento presso l’Accademia Musicale “Roberto Fuccelli” di Perugia, ricoprendo per anni il ruolo di “prima fisarmonica” nella Fisorchestra “Libertango” diretta dallo stesso Maestro Fuccelli.

Si diploma in fisarmonica classica con il massimo dei voti presso il Conservatorio di Musica “Luigi Cherubini” di Firenze sotto la guida del M° Ivano Battiston.

Adragna è vincitore di numerosi concorsi nazionali ed internazionali, tra i quali i prestigiosi:

- 58° TROPHEE MONDIAL DE L’ACCORDEON C.M.A. 2008 svoltosi a Sarajevo, dove ha vinto il 2° premio (vicecampione mondiale).

- 59° TROFEU MUNDIAL DE L’ACORDEAO C.M.A., svoltosi ad Albufeira (Portogallo) dove si laurea Campione del Mondo di Fisarmonica

- 1° Premio al "6° Primus Ikaalinen 2010”.

- 1° Premio Trofeo al 48° Internationaler Akkordeonwettbewerb Klingenthal 2011.

- 1° premio al 5° V-Accordion Festival Roland 2011

- 1° premio assoluto, sez. Fisarmonica Elettronica al 5° Accordion Art Festival ricevendo così il Trofeo “Italia Award”.

- 1° premio al “Premio Strumenti & Musica 2011” a Spoleto.

- Campione del Mondo di Fisarmonica 8per la seconda volta) alla 64° Coupe Mondiale World Accordion Championships C.I.A. a Shangai nel 2011-

- Quale ospite d’onore ha partecipato al “Grand Galà Internacional do Acordeao” ad Algarve (Portogallo) ed al Festival Internazionale per Fisarmonicisti svoltosi in Finlandia nel giugno 2007

- Partecipa al Festival Internazionale per Fisarmonicisti svoltosi in Canada nell’agosto del 2008.

- Nel luglio 2008 partecipa al Festival Mondiale per Fisarmonicisti di Alcobaça dove ha rappresentato l’Italia.

- Nel 2009 riceve il “Premio Club UNESCO di TRAPANI”

- Nel 2011 riceve il premio "Impronte di Sicilia" (conferito a personalità siciliane che si sono distinte nel modo della cultura.

In occasione della visita del Presiderte della Repubblica Ciampi a Trapani esegue un emozionante Inno di Mameli che verrà poi ripetuto il 12 maggio scorso nel Salone de’ Cinquecento davanti al Capo dello Stato Giorgio Napolitano, in Duo con il Maestro Ivano Battiston